BRIVIDI DI FREDDO 

Su questa nave cosi fredda non possiamo riposare, limitiamoci a stare in coperta.

A prua non c’è niente, gente, gente, stiamo all’erta signori, siamo alla deriva senza timoni.

Niente brividi di freddo, raccogliamo le forze e disegniamo nuove rotte.

All’orizzonte amici, guardate all’orizzonte, quella è una terra, è un monte.

Raccogliamo le forze e tiriamo queste vele per andare più forte.

Per allontanarci da tutto: davanti a noi  ci aspetta un mare di mari.

Antonio (scritto nel 1986)