AD  ALBERTO

Nel presente e nel futuro, anche se condiviso con svariate altre persone, lo vedo e lo sento sempre e sempre accanto a me: come una poltrona preferita, come un garage spazioso, come una risata infinita, come un respiro profondo d’aria di montagna, come un amico indispensabile.

Antonio (2001)