Nelle gote piene leggo mille sorrisi e negli occhi i mille altri restituiti.

Nell’anima scorgo un vagabondo di cieli, di suoni e di smorfie.

A.